AGRICOLTURA: CENTINAIO, FUTURO SETTORE E’ LEGATO A INNOVAZIONE TECNOLOGICA

“Compito del Ministero è quello di accompagnare, di aiutare e promuovere l’attività dell’agricoltura. Compito del Ministero è permettere a chi fa l’agricoltore in questo momento di avere lo Stato dalla sua parte. Lo Stato deve essere quello che permette al nostro settore di guardare al futuro. Se devo guardare al futuro devo far sì che questo Ministero sia sempre più legato alla ricerca scientifica, sempre più un Ministero legato all’innovazione tecnologica”. – Così il Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, sen. Gian Marco Centinaio, alla presentazione dell’accordo firmato a Roma tra Israele e Confagricoltura per lo scambio di conoscenze su ricerca e tecnologie di settore. “Crea, e quindi la ricerca scientifica, mondo accademico universitario e settore privato sono i tre mondi a cui guardiamo. Se riusciamo a far sistema e a mettere a sistema questi tre macro settori che in passato poco hanno ragionato tra di loro e poco si sono confrontati, il nostro Paese sarà in grado di sedersi tranquillamente al tavolo con tutti gli altri Paesi che stanno lavorando per un’agricoltura sempre più avanzata e sempre più tecnologica”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Agricoltura: Centinaio, Italia sempre più bio, più tutele  Migliorare la legislazione, al via fondi per mense biologiche 

CINGOLI (MACERATA), 30 NOV – Per il ministro dell’agricoltura Gian Marco Centinaio, oggi a Cingoli presso lo stabilimento Fileni, “occorre una legislazione che tuteli chi fa veramente il biologico, senza trucchi. Perché non è possibile che un agricoltore davvero bio faccia rese uguali o superiori a quelle della coltura convenzionale. Il nostro Paese – ha detto – è quello che maggiormente sta lavorando sul biologico, questo e’ un valore che va riconosciuto a livello europeo. Dobbiamo continuare ad andare in questa direzione, sono i consumatori che chiedono sempre di più prodotto biologico, quindi stiamo lavorando per migliorare sempre di più la parte legislativa, e per cercare di portare sempre più cibo bio nelle mense scolastiche. In questa direzione – ha concluso – va l’accordo con il ministro della Pubblica Istruzione per un premiare le Regioni con mense che usano alimenti biologici, con uno stanziamento di 10 milioni di euro”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Manovra: Centinaio, sedersi al tavolo con Ue e trattare  Per agricoltura e turismo fondi per giovani e zone danneggiate 


CINGOLI (MACERATA), 30 NOV – “La manovra? Stiamo cercando di capire a che gioco partecipare, se assestarci al 2,4 del rapporto deficit/pil o a un 2,2 o ancora ad un 2 come chiede l’Europa. Il nostro obiettivo era un 2,4, ma se vuoi ragionare con l’Europa devi sederti al tavolo e trattare. Io penso che il premier Conte, Salvini, Di Maio e Tria, nelle prossime ore ci diranno quale è il punto di caduta”. Lo ha detto Gian Marco Centinaio, ministro dell’Agricoltura e Turismo, oggi a Cingoli ove ha inaugurato il nuovo magazzino dinamico presso gli stabilimenti Fileni, gruppo leader nella produzione di carni bianche biologiche. “Io penso – ha aggiunto – che gli italiani debbano aspettarsi una manovra importante che rispetti le promesse fatte in campagna elettorale. Nei settori di cui mi occupo stiamo cercando di dare risposte concrete, mi rendo conto che i fondi a disposizione non sono tantissimi e dunque in primo luogo cercheremo di dare risposte a coloro che operano nelle zone più colpite dai danni. Inoltre siamo al lavoro per migliorare l’innovazione tecnologica e per permettere ai giovani di poter lavorare sempre più in agricoltura e nel turismo. Tra i giovani fare agricoltura non è più demodé – ha sottolineato il ministro -, sempre più i laureati che entrano nel settore o che subentrano nelle aziende del loro genitori, per questo sono a disposizione 70 milioni di euro”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

XYLELLA: CENTINAIO, AL VIA PIANO STRAORDINARIO 2018 


“Mantengo ogni promessa. Non ho lasciato soli gli agricoltori e rispondo con i fatti. Voglio ringraziare il Ministro Lezzi che attraverso il suo Ministero ha ufficializzato il trasferimento di 30 milioni di euro dal fondo sviluppo e coesione all’agricoltura. Queste risorse vanno ad aggiungersi a quelle a quelle erogate negli anni precedenti e con le quali è possibile finalmente dare il via al tanto atteso Piano straordinario di lotta alla Xylella fastidiosa per il 2018. Per il 2019 metteremo altri 70 milioni di euro”. E’ quanto ha annunciato il Ministro delle Politiche Agricole alimentari, forestali e del turismo, sen. Gian Marco Centinaio. “Stiamo lavorando per mettere tutte le risorse possibili a favore dell’olivicoltura e per il rilancio dell’economia rurale delle regioni interessate alla diffusione del batterio. Gran parte dei fondi sarà finalizzato al ripristino della potenzialità produttiva dei territori, ma anche a importanti interventi di prevenzione e contrasto al vettore, nonché alla ricerca e alla sperimentazione che continua a svolgere un ruolo fondamentale nello studio di tutti i fattori dell’epidemia.”

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Ue: Centinaio, dopo botta-e-risposta con Europa iniziera’ trattativa

(AGI) – Roma, 22 nov. – Ieri Salvini ha detto che aspetta “la letterina di Babbo Natale” riferendosi alla lettera della Commissione Ue che boccia la manovra del governo. “Sappiamo benissimo che i botta e risposta tra Italia e Ue ci sono sempre stati – spiega il ministro leghista del Mipaaft, Gian Marco Centinaio, ospite di ‘Agora” su Rai3 – ma un conto e’ il dibattito pubblico e un altro e’ il momento della trattativa dove si andra’ a cercare di portare a casa il risultato che vogliamo”. Sulle privatizzazioni, il ministro si e’ detto favorevole: “Io parlo a titolo personale e privatizzerei tutto. Faccio parte di una minoranza di una minoranza della Lega. I miei colleghi non la pensano come me”, aggiunge.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Conferenza Stato Regioni Manovra: Centinaio, l’Europa ci dica che cosa non va bene

(ANSA) – ROMA, 22 NOV – “All’Europa chiediamo che modifiche vuole, che cosa vuole che non facciamo” e che “lo spieghi ai cittadini italiani”: lo ha riferito il ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, a margine dei lavori della Conferenza delle Regioni. Centinaio ha inoltre osservato che l’Europa deve spiegare “perché quindi non dobbiamo dare le risposte a quei cittadini che beneficeranno di questa manovra. Perché è bello dire da Bruxelles quali sono le cose che non vanno bene, ma ci dicano cosa non va bene. Invece questa cosa non ce la stanno dicendo”. (ANSA).

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Governo: Centinaio, Di Maio non puo’ sapere come hanno votato i suoi

Roma, 22 nov. – “Se Giorgetti e la mano della Famiglia Addams, io chiedo a Di Maio chi e’ il cugino It, chi e’ zio Fester, chi Mercoledi’, chi e’ Mortisia… Il problema e’ che in questo telefilm ci sono anche loro”. Il ministro leghista del Mipaaft, Gian Marco Centinaio, risponde ad ‘Agora” su Rai3 alle accuse dei 5stelle che hanno accusato il ministro del Carroccio Giancarlo Giorgetti di essere “la manina” che sta dietro la sconfitta della maggioranza alla Camera sull’emendamento definito ‘salva-leghisti’ sul peculato a voto segreto.
“Io ho fatto per 4 anni il capogruppo – spiega – e quando chiedevo il voto segreto, non ero certo neppure del voto dei miei senatori perche’ il voto segreto e’ di banco. Una cosa che chiedo a tutti – aggiunge – Lega, Pd, Fi, M5s, Fdi: non potete andare dagli italiani a dire: io sono certo che i miei parlamentari hanno votato tutti la stessa cosa. Non lo puoi dire perche’ una persona capace di intendere e di volere non puo’ credere a una simile panzana. Nel voto segreto ognuno decide che cosa fare e sono convinto che anche chi ti promette su sua madre di votare quello che tu gli hai detto, poi decide liberamente che cosa fare. Io anche l’ho fatto: ho a volte dichiarato una cosa e poi ho votato un’altra”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Zucchero: Centinaio, verso gruppo Ue su crisi settore

Il ministro: commissario Hogan ha accolto nostra richieste

BRUXELLES, 19 NOV – Il commissario Ue all’agricoltura Phil Hogan ha annunciato l’organizzazione di un incontro di alto livello tra i paesi Ue sulla crisi dei prezzi del settore zucchero. Soddisfatto il ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio, che il mese scorso aveva chiesto interventi urgenti per il comparto. “Ho rappresentato al Commissario Hogan – ha dichiarato Centinaio – la nostra grande preoccupazione per la tenuta del settore saccarifero nazionale a causa delle basse quotazioni del mercato dello zucchero che stanno penalizzando l’intera filiera. In queste settimane ho invitato la Commissione ad avviare, al più presto, una discussione ad alto livello che possa affrontare in modo approfondito le problematiche del settore saccarifero, nonché possibili soluzioni e misure finalizzate alla sua salvaguardia, in particolare per quei Paesi, come l’Italia, che sostengono costi di produzione più elevati rispetto agli altri partner. Sono soddisfatto e per questo ringrazio il Commissario per aver accolto la nostra richiesta, acconsentendo all’attivazione di un gruppo ‘alto livello’ ad hoc.”

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Riso: Centinaio, lavoriamo in sede Ue per ripristinare dazi.

Il Ministro all’ incontro Coldiretti con organizzazioni produttori

BRUXELLES, 19 NOV – Il ripristino dei dazi sulle importazioni di riso da Cambogia e Birmania come “una vittoria dell’Europa del Nobel per la pace e non solo di alcuni governi e produttori”. Così il ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio è intervenuto, a margine del Consiglio Agricoltura in corso a Bruxelles, alla conferenza stampa organizzata da Coldiretti insieme alle altre organizzazioni agricole dei Paesi Ue principali produttori di riso (Spagna, Grecia, Portogallo e Francia) che chiedono di ripristinare i dazi sul cereale proveniente dai due Paesi asiatici, dove avvengono violazioni dei diritti umani. La decisione sarà messa ai voti dei Ventotto il 4 e 5 dicembre. Prima, ha ricordato Centinaio, è necessario coinvolgere “i colleghi europei ancora perplessi, ma li convinceremo perché non si tratta solo di aiutare i produttori che hanno subito l’impatto economico” del riso a dazio zero ma anche riaffermare che “l’Europa non appoggia regimi che violano i diritti umani”. “Il riso deve essere un simbolo – ha aggiunto il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo – per cambiare le politiche commerciali dando priorità alle regole e alla sostenibilità delle produzioni sul prezzo”

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Centrodestra: Centinaio, governo Lega-Fi? Tajani faccia richiesta

Bruxelles, 19 nov. – “In questo momento c’e’ un governo Lega-M5S, se Tajani vuole entrare in maggioranza basta fare la richiesta e vediamo cosa gli risponderemo”. Cosi’ il ministro leghista delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio, risponde alle domande dei giornalisti che chiedevano un commento alle parole del presidente del Parlamento europeo sulla ipotesi di un governo Lega-Fi dopo le europee. “A parte le battute – aggiunge Centinaio arrivando a Bruxelles – questo e’ un governo che ha una caratteristica: mettere sul tavolo i problemi e parlarne alla luce del sole e cercare soluzioni. Non e’ litigare ma solo confrontarsi anche con toni duri. Su alcuni punti abbiamo sensibilita’ diverse ma Conte ha l’equilibrio e la forza per tenere in piedi questa maggioranza, mentre Salvini e Di Maio hanno la volonta’ di arrivare fino alla fine della legislatura. A Tajani fa sorridere? Chieda di entrare in maggioranza”, conclude.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone