CENTINAIO (LEGA NORD): PIROLISI – OGGI DALLA GIUNTA REGIONALE UNA RISPOSTA SERIA ALLE RICHIESTE DELL’OLTREPO’

20160522_163404PAVIA 23 MAGGIO .” Dopo aver letto il comunicato stampa dell’Assessore Terzi voglio esprimere tutta la mia soddisfazione. E’ da un anno che, insieme all’Assessore ed al suo staff ci impegnamo per dare risposte concrete all’oltrepò. Senza annunci e senza cadere nelle provocazioni di chi critica solo perché deve criticare. Con il Comitato abbiamo lavorato in sinergia perché abbiamo sempre considerato il Comitato un interlocutore credibile e serio. E se non fosse stato anche per il loro lavoro non so cosa sarebbe successo. Ed oggi l’Assessore e tutta  la Giunta hanno dimostrato la reale volontà di Regione Lombardia. Quell’impianto a Retorbido non si deve fare e non si farà. Come cittadino di questo territorio aspetto l’esito finale con più ottimismo. Come esponente della Lega Nord sono orgoglioso del mio Presidente Maroni e dell’Assessore Terzi: persone di parola.. Io non ho MAI avuto dubbi anche quando davanti a migliaia di persone ci misi la faccia per dire NO a quel mostro.” Lo dichiara il Senatore Gian Marco Centinaio intervistato dopo il comunicato stampa dell’Assessore Terzi.

Caso Maugeri: Gian Marco Centinaio firma a sostegno dei dipendenti della clinica di Pavia

Il senatore pavese e capogruppo della Lega Nord in Senato Gian Marco Centinaio sostiene i dipendenti della Clinica Maugeri di Pavia. Sabato 12 luglio Centinaio ha incontrato i rappresentanti dei lavoratori e ha firmato contribuendo di fatto alla causa portata avanti dal personale della clinica, che gestisce un presidio permanente davanti alla Fondazione dal 4 di luglio, data in cui il direttore generale Alberto De Matthaeis ha ufficializzato pesanti tagli ai salari per ripianare la situazione economica della Maugeri stessa.
Passare a lasciare la mia firma e ad incontrare i dipendenti è stato il mio pensiero tornando da Roma – ha dichiarato il senatore Centinaio – come sempre, sono pronto ad impegnarmi per far sì che anche questa situazione non facile possa risolversi. Qui ci sono in gioco troppe variabili importanti: l’eccellenza della sanità pavese si basa anche sulla dedizione e sulla preparazione del proprio personale. Se tagliamo gli stipendi ai dipendenti otterremo gravi difficoltà che si ripercuoteranno inevitabilmente sui pazienti. Pavia non può permettersi, in campo sanitario, di essere seconda a nessuno e di essere costretta a ragionare secondo logiche di profittoIMG-20140712-WA0003

IMG-20140712-WA0007

IMG-20140712-WA0006“.

Spot sull’azzardo, scuole e tribunali pavesi: Centinaio, sarebbe ora che a Roma prendessero decisioni chiare

Tre interrogazioni parlamentari in un giorno per raccogliere e portare avanti le istanze del territorio pavese. E’ quanto ha fatto il senatore pavese della lega Nord Gianmarco Centinaio per richiamare l’attenzione dei palazzi romani ai problemi quotidiani che spesso vengono dimenticati da chi governa. “Ho ricevuto parecchie segnalazioni da parte di tanti cittadini pavesi in questi giorni – ha precisato Centinaio – e ho deciso di farmi nuovamente portatore delle richieste della gente, che poi è il motivo vero per cui veniamo votati dai nostri elettori. Ho presentato un’interrogazione per capire se c’è anche l’intenzione, da parte del governo Renzi, di occuparsi delle scuole materne, prendendo spunto da una segnalazione che mi è giunta da Casatisma, dove lo scorso 23 aprile i bambini non sono potuti entrare nelle loro aulee a cause del pericolo di crollo del soffitto: mentre il governo va avanti a fare proclami, le scuole cadono a pezzi. Poi sono ritornato su una questione che mi sta a cuore, ovvero quella del Tribunale di Vigevano: mi sembra di capire che tutto sia stato messo in silenzio, ma il problema rimane apertissimo. lo scorso 7 febbraio, il ministro Guardasigilli del precedente governo ha avuto un incontro con una delegazione lombarda guidata dal Governatore Roberto Maroni, con il sindaco di Vigevano Andrea Sala, il presidente della Provincia, Daniele Bosone, il presidente dell’Ordine degli avvocati di Vigevano, Giuseppe Madeo e quello del comitato “Salviamo il Tribunale”, Pietro Farina, per tentare di evitare la chiusura del Tribunale di Vigevano, ma mi pare che successivamente non siano state prese decisioni in merito. Per questo ho chiesto al Ministro della Giustizia a che punto è la questione. Infine – ha concluso Centinaio – in qualità di componente della commissione di vigilanza della Rai, ho voluto richiamare l’attenzione sugli spot sul gioco d’azzardo e sulle slot machines che, sabato 3 maggio, in attesa della trasmissione della finale di Coppa Italia, evento seguito da 8.800.000 persone con il 20,07% di share, sono stati trasmessi dal servizio pubblico. Pubblicità che sono finite sotto gli occhi dei ragazzini che apettavano la partita, per esempio. Per non parlare delle pesanti ricadute sociali di questi “pubbliche promozioni”, pagate con i soldi degli italiani”.

Interrogazione parlamentare su incursione Forza Nuova al Broletto contro Lega Nord

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

CENTINAIO- Al Ministro dell’interno-
Premesso che:

martedì 1 aprile alle ore 21,00 presso la sala del Broletto, la sezione Lega Nord di Pavia presentava alla stampa ed alla città la lista per le elezioni comunali 2014; erano presenti circa 200 persone, tra i relatori, l’euro parlamentare Matteo Salvini; a metà serata, scortati da DIGOS e Carabinieri, entrano in sala una decina di esponenti di Forza Nuova che, dotati di striscione e volantini, interrompono per qualche minuto la presentazione, urlando insulti verso la Lega e Matteo Salvini; terminata la serata, apprendo che i Militanti di Forza Nuova arrivati in via Paratici erano stati identificati dalle forze dell’ordine ed “accompagnati” in sala; di fatto, perciò, nella giornata suddetta ,le forze dell’ordine non hanno tutelato l’evento di presentazione della lista Lega Nord alle prossime elezioni Comunali; è stato detto che le forze dell’ordine presenti non erano in grado di fermare gli esponenti di Forza Nuova;

l’interrogante chiede di sapere;

se le forze dell’ordine erano presenti in misura sufficiente a garantire l’ordine pubblico; se le forze dell’ordine erano al corrente della volontà da parte di Forza Nuova di contestare il segretario federale Salvini; se è corretto che le forze dell’ordine scortino dei contestatori dentro una sala, piena di famiglie e persone anziane, dove si svolge la presentazione di una lista elettorale, ben sapendo che i contestatori di certo non venivano per sentire il comizio, ma esisteva il reale pericolo di azioni di dissenso anche violento; non sarebbe stato più corretto e soprattutto sicuro far svolgere la contestazione all’esterno della sala, all’uscita dell’europarlamentare; chi si sarebbe preso la responsabilità, se qualcuno dei militanti avesse reagito e si fosse scatenata una rissa; per quale motivo, pochi giorni prima, per l’arrivo dell’ex ministro Kyenge, si sono adottate tutte le misure precauzionali per evitare qualsiasi contestazione e per quale motivo, infine, non si è avuto lo stesso riguardo nei confronti di una manifestazione della Lega Nord.

Sen. Centinaio

Intimidazioni agli amministratori locali: Gian Marco Centinaio (LN) eletto segretario della Commissione Parlamentare

“Una nomina inaspettata e che mi conforta molto, soprattutto perchè lo ritengo il riconoscimento più importante alla mia esperienza di amministratore locale ed al mio quotidiano credere nelle autonomie locali e nell’importanza dell’esperienza politica e decisionale che è alla base del lavoro dei sindaci e degli assessori anche dei piccoli paesi“.

Gian Marco Centinaio, senatore pavese della Lega Nord, è stato eletto questa mattina Segretario della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle intimidazioni nei confronti degli amministratori locali, istituita lo scorso ottobre per tutelare sindaci, presidenti e assessori da intimidazioni di diversa natura, dalla criminalità organizzata alla violenza comune.
“Il mio pensiero, dopo questo riconoscimento, non può che andare al territorio pavese, ai sindaci dell’Oltrepò e della Lomellina, alle piccole amministrazioni: ho ottenuto questo incarico in quanto Senatore con molta esperienza nei comuni e come referente di un movimento che crede molto nelle autonomie locali. Mi metto subito a disposizione di tutti quegli amministratori che hanno subìto qualsiasi forma di intimidazione: la ritengo una cosa vergognosa nei confronti di persone che si prestano e si mettono a disposizione della comunità e dei propri cittadini. Penso inoltre che ogni cosa se la si fa bene può avere la sua importanza, ribadisco quindi la mia completa disponibilità anche agli amministratori della mia terra“.