Ue: Centinaio, servilismo Conte non basta. Letterina anche a GialloRossi

Roma, 22 Ottobre – “Alla fine la tirata di orecchie è arrivata anche al Conte Bis : il servilismo dell’avvocato non è bastato a metterci al riparo dalle letterine europee”.

Così Gian Marco Centinaio, già ministro dell’agricoltura commenta la lettera inviata dalla Commissione Europea all’Italia. “La Lega vi aveva avvertito: questa Europa non è nostra amica. Svolgere i compitini non aiuta il Paese e non fa gli interessi degli italiani. Servono idee e coraggio ma di questo il Governo è completamente sprovvisto. Sono insediati da oltre 50 giorni e non sono ancora riusciti a produrre un solo provvedimento. Stanno tenendo il Paese in ostaggio condannandolo all’immobilità pur di tenersi la poltrona. Dichiarino il fallimento e – conclude Centinaio – facciano votare gli italiani”.

CENTINAIO (LEGA): OGGI A MILANO FIERA HOST CON LE ECCELLENZE ITALIANE E I MINISTRI ASSENTI.

“Oggi ho partecipato a HOST uno dei più importanti eventi mondiali del settore dell’accoglienza. I più importanti esponenti mondiali in tema di hotel ristoranti e locali. Il tutto con l’Italia protagonista nel design e agroalimentare. Come accaduto al TTG la cosa che mi ha colpito maggiormente è lo sconforto degli operatori che si sono sentiti abbandonati da questo Governo. Solo due sottosegretari a rappresentare l’Italia segno di disinteresse e poca attenzione. Ancora una volta chi di dovere ha preferito la Leopolda agli imprenditori e al Made in Italy. Ancora una volta l’amarezza per un comparto, quello turistico e agroalimentare, totalmente abbandonato. Peccato. Da parte mia continuerò a lavorare nelle sedi opportune affinché i nostri imprenditori possano avere visibilità e attenzione.” Lo dichiara il già Ministro e Senatore della Lega Gian Marco Centinaio a Rho Però all’uscita della fiera HOST

Manova, Centinaio (Lega), Governo toglie bonus verde, parlano di ecologia e poi mettono in ginocchio un settore fondamentale

Roma, 18 ott – “Il Governo parla di valorizzazione dell’ambiente, di tutela dell’ecologia e promette di non fare tagli sul fronte dell’agricoltura, poi però, nei fatti, toglie il ‘bonus verde’ in manovra, che era stato confermato dal precedente esecutivo. Eliminare gli incentivi e le agevolazioni per chi effettua interventi per sistemare e realizzare aree verdi di pertinenza delle unità immobiliari rappresenta un vero e proprio schiaffo a un settore importante dell’economia nazionale, quello del vivaismo. Il ministro Bellanova parla di nessun taglio, poi elimina il bonus verde; il ministro Costa parla di ecologia, poi mette in ginocchio il settore dei vivaisti: esprimo sconcerto di fronte all’ennesima dimostrazione di incoerenza e di incompetenza da parte del Governo giallorosso, che pensa solo a introdurre nuove tasse e a nuove modalità per mettere in difficoltà gli italiani che lavorano onestamente”.

Lo dichiara in una nota Gian Marco Centinaio, senatore della Lega, già Ministro dell’Agricoltura.

Dazi: Bergesio-Centinaio (Lega), colpiscono cuore produttivo Paese, governo intervenga

Dazi: Bergesio-Centinaio (Lega), colpiscono cuore produttivo Paese, governo intervenga Roma, 17 ott – (Nova) – I dazi posti dagli Stati Uniti rappresentano un colpo durissimo al cuore produttivo del nostro Paese, serve un intervento da parte del governo. Lo dichiarano in una nota i senatori della Lega Giorgio Maria Bergesio, capogruppo Lega in commissione Agricoltura, e Gian Marco Centinaio, gia’ Ministro dell’Agricoltura, primi firmatari dell’interrogazione, firmata e condivisa dai senatori della Lega Matteo Salvini, Massimiliano Romeo, Gianpaolo Vallardi, Alberto Bagnai, Simone Bossi, Roberta Ferrero, Tiziana Nisini, Paolo Ripamonti, Emanuele Pellegrini, Paolo Tosato, Erica Rivolta, Gianfranco Rufa, Luigi Augussori, Stefano Corti, Massimo Candura, Maurizio Campari, Rosellina Sbrana. “L’Italia – continuano – sara’ interessata da una serie di restrizioni, che incideranno prevalentemente sulle esportazioni di prodotti agroalimentari per un valore complessivo europeo di 3,5 miliardi, causando sofferenza e difficolta’ ai simboli di eccellenza del ‘Made in Italy’ nel mondo, con perdite che potrebbero superare persino la cifra di 1 miliardo di euro. Non possiamo accettarlo: e’ necessario adottare misure che siano in grado di limitare fin fa subito i danni per il settore agroalimentare italiano che scaturiranno dall’imposizione dei dazi. Per questo la Lega ha depositato in commissione Agricoltura al Senato un’interrogazione al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, per chiedere che l’esecutivo agisca in tutti le sedi opportune affinche’ venga promossa un’azione diplomatica che porti al superamento delle politiche protezionistiche imposte dagli Usa contro il comparto agroalimentare italiano. Servono azioni concrete, subito, nell’interesse del Made in Italy”.

Agricoltura, Centinaio (Lega), “Coop offende nostri agricoltori e pescatori: ritiri lo spot”

Roma, 9 ott. – “L’ultimo spot della Coop è umiliante e offensivo per i nostri agricoltori e pescatori. La morale fasulla della Coop è inaccettabile perché veicola un messaggio gravemente distorsivo del lavoro dei nostri agricoltori e pescatori, riducendo il comparto dell’eccellenza agroalimentare del made in Italy a un’agricoltura che fa uso di diserbanti e a una pesca che non rispetta l’ecosistema marino. Le nostre imprese, gli agricoltori e i pescatori italiani, sono i primi promotori della tutela dell’ambiente, senza ipocrisie come invece fa la Coop, a scopo esclusivo di lucro. I pubblicitari della Coop vadano a fare un giro in qualche nostra azienda agricola del territorio o su un peschereccio italiano: vedranno qual è l’impegno e l’attenzione per l’ambiente che agricoltori e pescatori mettono ogni giorno nel loro lavoro con rispetto verso il consumatore finale. La Coop chieda scusa e tolga dalla programmazione questo spot, offensivo per il made in Italy”. Lo dichiara l’ex ministro all’Agricoltura della Lega Gianmarco Centinaio.

CENTINAIO (LEGA): TTG IMPORTANTE TAPPA PER IL TURISMO ITALIANO

Direzione TTG e SUN a Rimini.

“Parteciperò al TTG non più come Ministro ma come Senatore della Lega che ha a cuore il nostro settore e la promozione del Made in Italy. Il turismo è uno dei motori trainanti del nostro Paese è la Politica deve tenere in considerazione le centinaia di aziende che con passione e professionalità operano tutti i giorni attraverso l’Incoming e outgoing. Parteciperò a numerosi incontri e spero di riportare a casa le stesse sensazioni positive dell’anno scorso. Arriviamo al TTG con il rischio della rimodulazione dell’IVA e un aumento considerevole per il settore. Arriviamo al SUN con un Governo che sulla Bolkestein non sa che pesci pigliare. Andiamo avanti con una certezza: l’amore per questo bellissimo settore della nostra società” così il Senatore della Lega Gian Marco Centinaio già Ministro del Turismo

MANOVRA. SENATORI LEGA: PER AGRICOLTURA NADEF INSUFFICIENTE

Roma, 8 ott. – “Oggi in commissione AGRICOLTURA, abbiamo convintamente espresso parere negativo, condiviso e votato anche da FdI e Forza Italia, alla nota di aggiornamento al documento di economia e finanza, perche’ la stessa e’ solo un susseguirsi di proclami, senza alcun indirizzo politico che evidenzi concrete misure di sostegno economico e finanziario tangibile. In una congiuntura che preoccupa per gli effetti che scaturiranno con l’introduzione di dazi e misure protettive, nella nota non si evidenziano misure a conforto dell’iniziativa imprenditoriale del comparto. Nulla poi viene specificato riguardo ad un incremento di giovani lavoratori nel settore agricolo cosi’ come alcuna menzione degna di nota e’ riservata ad un settore strategico quale la pesca, vessata dalle continue limitazioni imposte dall’Europa. Se questa e’ la cura che la sinistra vuole apportare al nostro maggior settore commerciale, sappiano fin d’ora che la Lega sara’ al fianco dei lavoratori e dei consumatori italiani e dara’ battaglia per evitare i soliti pasticci e i piu’ esecrabili favoritismi”. Cosi’ i senatori della Lega in commissione AGRICOLTURA, Gianpaolo Vallardi, presidente della stessa, Giorgio Maria Bergesio, capogruppo, Gian Marco Centinaio, gia’ ministro dell’AGRICOLTURA e la senatrice Rosellina Sbrana, membro della commissione. (Vid/ Dire)

CENTINAIO (LEGA) I DAZI DI TRUMP CONTRO L’ITALIA CHE HA IL MERITO DI COMBATTERE L’ITALIAN SOUNDING.

“Le notizie che arrivano oltreoceano ci confermano quanto si temeva. I dazi contro i nostri formaggi previsti da Trump arrivano a causa di una sollecitazione da parte della lobby dei produttori di formaggi americani. Continuiamo a sostenere che l’italian sounding sia da combattere con ogni mezzo e non possiamo cedere ai ricatti di chi ha fatto della contraffazione il proprio cavallo di battaglia. L’Italia è la patria della qualità alimentare e cedere il passo alla contraffazione non è nel nostro DNA. I Dazi ingiustificati devono essere combattuti in tutte le sedi opportune per tutelare i nostri produttori e chiediamo al Governo e all’Europa di agire il più velocemente possibile. Non vogliamo scuse pretendiamo atti concreti” così l’ex Ministro Centinaio commentando le ultime decisioni sui DAZI USA ai prodotti agroalimentari italiani

CENTINAIO (LEGA): MILANO WINE WEEK IDEA BRILLANTE PER PROMUOVERE IL VINO ITALIANO:”

Parte oggi la Milano Wine week. Evento meneghino ideato dal brillante Federico Gordini per far conoscere anche al grande pubblico una delle eccellenze del nostro Made in Italy: il vino. In questi giorni eventi mondani, convegni, momenti di promozione studio e valorizzazione del vino italiano permetteranno ai migliori produttori di confrontarsi con la capitale della moda e delle mode: MILANO. Ancora una volta il vino protagonista in un evento che, alla sua seconda edizione, dimostra di aver già occupato un ruolo importante nel panorama degli eventi dell’agroalimentare italiano. Complimenti e in bocca al lupo agli organizzatori. “Così il Senatore Gian Marco Centinaio già Ministro dell’agricoltura all’inaugurazione della Milano Wine Week

Dazi, Centinaio/Bergesio/Vallardi (Lega), dazi una sciagura per il Made in Italy, il Governo giallorosso è incapace di fare gli interessi dell’Italia

Roma, 3 ott – “Abbiamo appreso con preoccupazione e sconcerto le ultime notizie relative alle decisioni del WTO, organizzazione mondiale del commercio, in merito ai dazi: un fatto molto grave, inconcepibile se si pensa che tra le finalità dell’organizzazione c’è anche quella ‘dell’abolizione o della riduzione delle barriere tariffarie al commercio internazionale’. I dazi americani andranno a colpire alcune nostre produzioni strategiche, con il rischio di mettere in ginocchio intere filiere e causare un crollo dei consumi all’estero: si stimano 10 miliardi di danni per i prodotti italiani. Tutti gli sforzi e i risultati della Lega al Governo per tutelare e valorizzare il Made in Italy sono andati vani a causa dell’incapacità di questo governo, che si è rivelato ancora una volta inadeguato e non in grado di difendere gli interessi dell’Italia”.

Lo dichiarano in una nota i senatori della Lega Gian Marco Centinaio, già Ministro delle Politiche Agricole, Giorgio Maria Bergesio, capogruppo Lega in Commissione Agricoltura del Senato, Gianpaolo Vallardi, presidente della Commissione Agricoltura del Senato.