CENTINAIO : RENZI vada a spiegare all’Europa…

È indegno il fatto che siano passati già ventitré minuti ed il Presidente del consiglio è fuori dall’Aula… Vada a parlare di disoccupazione, la vera priorità di questo Paese, non la riforma del Senato o quello che forse state cercando di fare. Registriamo una disoccupazione pari al 13,6 per cento ed una disoccupazione giovanile pari al 43,3 per cento, contro la disoccupazione giovanile tedesca che è del 7,9. Vada a spiegare alla signora Merkel cosa vuol dire avere i giovani disoccupati! …spieghi anche come sono falliti i vostri tentativi di creare occupazione, spieghi come è fallito il decreto lavoro: siete venuti in Aula, un anno fa… dicendoci che, con quel decreto, fatto con i fondi europei, avreste creato nuovi posti di lavoro. Ad oggi, non avete creato niente: lo vada a spiegare ai suoi amici europei. Chieda anche consiglio a Frau Merkel su come loro sono riusciti a realizzare la controriforma previdenziale: una riduzione di quattro anni dell’età pensionistica ed un aumento dei contributi figurativi alle madri lavoratrici. Leggi tutto “CENTINAIO : RENZI vada a spiegare all’Europa…”

RENZI,CENTINAIO (LN): PREMIER INDEGNO ASSENTE PER MONDIALI

ROMA,24 GIUGNO – “Renzi assente dall’aula nel giorno del suo discorso alle Camere. Qualcuno gli dica che il Paese sta andando a rotoli, mentre lui, magari, attendeva di esultare al gol di Balotelli insieme all’amica Cecile Kyenge”. La provocazione è arrivata oggi a palazzo Madama dal senatore leghista Gian Marco Centinaio. “Un atteggiamento indegno”, ha stigmatizzato il parlamentare leghista, evidenziando più volte l’assenza del premier dall’aula in coincidenza con la partita in corso. “Qualcuno dica a Renzi che i problemi del Paese non si risolvono con un gol”. Quanto all’Europa: “Tra un tweet e un selfie, Renzi racconti a Bruxelles anche l’abracadabra degli 80 euro, negati a esodati e disoccupati e caricati su tagli e nuove tasse, parli dell’imbarazzante politica sui marò, delle imprese fallite per crediti nei confronti dello Stato, del fallimento del decreto lavoro e dei fondi Ue che l’Italia non è capace di spendere”

Renzi durante il primo tempo della partita.... Assente!!!
Renzi durante il primo tempo della partita…. Assente!!!
Fine primo tempo: ma Renzi non ascolta e gioca con il telefonino
Fine primo tempo: ma Renzi non ascolta e gioca con il telefonino
Inizia il secondo tempo e Renzi torna a guardare la partita.... VERGOGNOSOOOOOO!!!!
Inizia il secondo tempo e Renzi torna a guardare la partita…. VERGOGNOSOOOOOO!!!!

Pompei: Centinaio (ln), vergogna governo. Per il mondo siamo peracottari

giamma5ROMA, 23 giugno  – “La gestione disastrosa del governo che non è in grado di mantenere il sevizio minimo per Pompei, il sito archeologico più famoso nel mondo è sotto gli occhi di tutti. Chiediamo al ministro Franceschini che fine abbiano fatto i 105 milioni di euro arrivati dall’Europa per ristrutturare il sito sempre più fatiscente. Questa è l’ennesima pessima figura del paese agli occhi del mondo. Stanno ammazzando il turismo, uno dei pochi beni rimasti all’Italia. I turisti che arrivati da ogni parte del mondo per visitare Pompei trovano chiusi i cancelli è la perfetta rappresentazione dello stereotipo che hanno di noi, peccato che di stereotipato non ci sia più nulla. Questa è la realtà e Renzi non fa nulla per cambiarla”.

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo in commissione cultura per la Lega Nord a Palazzo Madama.

2^ Edizione Summer School Giovani Padani

Dal 27 al 29 giugno 2014 si terrà a Follonica la 2^ edizione del Summer School Giovani Padani dal titolo “L’Europa dei Popoli – prospettive economiche e geopolitiche”

Domenica 29 giugno alle ore 9.30 l’intervento del Senatore Centinaio: “Libertà di Cultura – Proposte per una gestione federale del patrimonio artistico e culturale dello Stato”

Siete tutti invitati

programma Summer School
programma Summer School
programma Summer School
programma Summer School

FALSO GIORNALISTICO RAI, la battaglia della Lega con il Sen. Centinaio e altri 4 parlamentari

“Questa mattina – 11 giugno – abbiamo manifestato al fianco di chi difende la legalita’ e contro l’infame disinformazione di Stato e quindi con i poliziotti. La Rai nei suoi principali tg ha infatti mandato in onda un falso giornalistico, un filmato contraffatto nel quale si mostra l’applauso al poliziotto Gianni Spagnulo, che durante un corteo a Bologna si tolse il casco per difendere i suoi uomini e lo si attribuisce invece ai poliziotti condannati per il caso Aldrovandi. Una vera e propria contraffazione dell’informazione montata ad arte per delegittimare le forze di polizia. Dopo l’interrogazione al ministro Alfano e in vigilanza Rai oggi pomeriggio chiederemo che i direttori dei Tg che hanno mandato in onda il filmato vengano in vigilanza, vogliamo una spiegazione, pretendiamo come gia’ richiesto anche dal Sindacato autonomo della polizia che si provveda immediatamente al ripristino della verita’ con la rettifica cosi’ come impone la legge”.
Lo dichiarano Gian Marco Centinaio, Erika Stefani, Davide Caparini, Nicola Molteni e Matteo Bragantini parlamentari della Lega Nord che hanno partecipato questa mattina alla manifestazione di protesta delle forze di polizia contro l’informazione di stato.

La lettera scritta dal Sen. Centinaio al Presidente della Comm. Vigilanza RAI, Roberto Fico
href=”http://gianmarcocentinaio.it/wp-content/uploads/2014/06/fico1306141.pdf

La lettera scritta dal Gruppo Lega Nord Padania – Camera dei Deputati
http://gianmarcocentinaio.it/wp-content/uploads/2014/06/triplice130614.pdf

Fonte: sito internet del SAP – Sindacato Autonomo di Polizia –  http://www.sap-nazionale.org/notizie.php?id=6142

Test d’ingresso: Centinaio (LN), l’abolizione è una storica battaglia della Lega

ROMA (ITALPRESS) – “Apprendiamo con favore che il ministro dell’istruzione Stefania Giannini ha dichiarato di avere intenzione di abolire il test d’ingresso per la facolta’ di medicina. Essendo una storica battaglia della Lega, auspichiamo che l’abolizione sia estesa a tutte le facolta’ a numero chiuso e che il ministro dia subito concretezza alle intenzioni. Il diritto allo studio deve essere garantito e incentivato soprattutto in un momento storico nel quale i dati dimostrano che l’iscrizione alle facolta’ universitarie e’ in drastico calo”. Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo per la Lega Nord in Commissione Cultura a Palazzo Madama.

Separazioni: Centinaio (LN), un nuovo disegno di legge per i genitori separati

Roma, 15 maggio – “Penso sia necessario iniziare a porsi il problema a livello politico della questione dei genitori separati: oggi per divorziare, o semplicemente avviare una separazione, ci vuole davvero poco tempo, ma poi? Chi tutela i padri, gli ex-mariti e le difficoltà economiche in cui rischiano di trovarsi per assicurare ai propri figli una vita dignitosa? E’ ora di fare qualcosa”.
All’indomani del primo sì alla Camera per la riduzione dei tempi della separazione da tre ad un solo anno, il senatore pavese della Lega Nord presenta un disegno di legge per tutelare i genitori che vivono il delicato momento della fine di un rapporto matrimoniale. papà separati
“Negli ultimi anni i divorzi stanno aumentando in maniera vertiginosa e i figli sono le prime vittime di un sistema troppo spesso squilibrato. Con questo atto voglio che chi governa risponda a questa nuova emergenza sociale con un fondo, destinato alle Regioni, che possa far sì che a livello territoriale vengano avviate in tempi brevi politiche e decisioni a sostegno dei genitori in fase di separazione”.

DISEGNO DI LEGGE

Disposizioni finalizzate alla presa in carico dei genitori separati
di iniziativa del Sen. Centinaio

ILLUSTRAZIONE SINTETICA
Negli ultimi decenni nel nostro Paese è cresciuto in maniera esponenziale il fenomeno dell’instabilità familiare. La mutata percezione dell’istituto matrimoniale e l’evoluzione dei legami familiari determinano un alto numero di separazioni e divorzi
Infatti, se fin dai primi anni Settanta il numero di matrimoni celebrati in Italia è in costante riduzione, il fenomeno dello scioglimento del vincolo matrimoniale, per effetto di separazione o divorzio, è invece in continua crescita.
E’ noto che le separazioni dei genitori provocano spesso situazioni di difficoltà e di grave disagio ai genitori separati e di conseguenza anche ai figli.
Tale situazione di difficoltà riguarda, in particolare, la figura paterna che, a seguito della pronuncia dell’organo giurisdizionale di assegnazione della casa familiare e dell’obbligo di corrispondere l’assegno di mantenimento, viene a trovarsi in una situazione di difficoltà economica che può comportare l’impossibilità di condurre un’ esistenza dignitosa, impedendo pertanto l’esercizio del ruolo genitoriale.
Il presente disegno di legge si pone l’obiettivo di rispondere a questa nuova emergenza sociale promuovendo in sede di Confereneza unificata Stato Regioni, attraverso la stipula di un accordo di programma avente ad oggetto il riparto di una somma di 500 milioni di euro per l’anno 2014, 2015 , 2016, al fine di garantire alle Regioni le necessarie risorse per attuare un piano straordinario di intervento per lo sviluppo del sistema territoriale dei servizi sociali finalizzati alla presa in carico dei genitori separati che a causa della loro condizione vivono in situazioni di disagio sociale.
Si è optato per la formula del Fondo a copertura del piano elaborato come accordo di programma in sede della Conferenza Stato regioni proprio al fine di evitare che il provvedimento fosse considerato incostituzionale per vincolo di destinazione di risorse mirate ad interventi specifici nelle politiche sociali.