Centinaio, abbiamo chiesto noi scrutinio segreto su emendamento (ANSA) –

ROMA, 6 AGO – “Quando i senatori sono liberi di votare senza che il capogruppo li minacci votano, e votano bene”. E’ quanto sottolinea ai cronisti il capogruppo della Lega Nord Gian Marco Centinaio commentando l’approvazione, nonostante il parere contrario del Governo, dell’emendamento Sel sulle competenze regionali sulla rappresentanza in Parlamento delle minoranze linguistiche. Sono stati proprio dieci senatori leghisti, sottolinea Centinaio, ad avanzare richiesta di voto segreto.

Riforme: Lega abbandona aula

ROMA. 1 AGO “Anche oggi siamo partiti con il piede sbagliato. Gestione di Grasso e’ disastrosa. Non abbiamo più diritto di parola. Finché continuerà così la Lega non rientrerà in Aula. Se Grasso vuol proseguire a fare il super commissario allora smetta di presiedere l’aula”.
Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato spiega le ragioni “che ci hanno costretto ad abbandonare l’aula”.

Riforme: Sel e Lega chiedono riunione conferenza capigruppo

(ANSA) – ROMA, 29 LUG – La Lega e Sel chiedono la convocazione della conferenza dei capigruppo per discutere come procedere sulle riforme. Dopo che Luigi Zanda (Pd) ha osservato che la capigruppo e’ inutile perche’ non ci sono le condizioni per una mediazione, Loredana De Petris (Sel) ha detto: “Penso che
invece sia utile per avere la possibilita’ di capire se c’e’ l’intenzione di fare davvero un lavoro nel merito che porti a risultati apprezzabili”. Gian Marco Centinaio (Lega) ha chiesto che il ministro Boschi esprima una posizione in Aula. (ANSA).

Congresso Lega Nord a Padova, Centinaio: riforme? Per noi le priorità sono lavoro e dignità

Il capogruppo della Lega al Senato Gian Marco Centinaio è intervenuto al congresso della Lega Nord di Padova. Un intervento deciso, con il cuore rivolto costantemente alla gente, alle necessità di coloro che vivono tutti i giorni in uno stato che non garantisce lavoro e pari diritti: “In queste ultime settimane sono tante le persone che mi hanno chiesto qual è la posizione della Lega Nord sulle riforme, me lo hanno chiesto giornalisti ma anche cittadini. Certo, le riforme, ma perchè prima non mettiamo come priorità il lavoro, la dignità per gli anziani che non riescono ad arrivare a fine mese, perchè non mettiamo la questione delle imprese che sono costrette a chiudere per i crediti nei confronti della pubblica amministrazione? Perchè non ci decidiamo ad affrontare la questione di quella che io chiamo invasione clandestina?  Noi siamo quindici senatori – ha sottolineato il senatore Centinaio nel suo intervento – non ci sentiamo assolutamente la stampella della maggioranza. Siamo contro la gestione politica di Renzi spesso basata solo sugli interessi di qualcuno. Noi siamo a Roma per portare avanti le richieste della nostra terra, ci sentiamo come guerrieri-guastatori simili agli spartani che quotidianamente fanno barriera per difendere i diritti del proprio popolo”.

RIFORME: CENTINAIO (LN), DISCUTEREMO 7850 EMENDAMENTI. NON PORTERANNO A CASA QUESTA RIFORMA

17 luglioROMA, 17 LUGLIO – ” La mancanza di rispetto della Boschi è imbarazzante, non si fa nemmeno vedere in aula e non ascolta le proposte dell’opposizione anche quando queste vanno nella direzione di discutere di quelle che loro stessi definiscono priorità per il paese come la competitività, la cultura e il turismo. Hanno deciso per un calendario che rimanda tutto a dopo le riforme. Scelta che di certo non inciderà in senso migliorativo nella vita dei cittadini né rilancer à l’economia. Cercano di portare a casa una riforma costituzionale che non esito a definire schifosa. Tratteremo 1850 emendamenti e questa riforma non la porteranno a casa mai“.

Lo dichiara il capogruppo della Lega Nord al senato, Gian Marco Centinaio

Roma: dibattito sulle riforme costituzionali

Dibattito sulle riforme costituzionali ed il PD e' assente. VERGOGNA!
Dibattito sulle riforme costituzionali ed il PD e’ assente. VERGOGNA!

Roma, 15 LUG. – “Oggi riparte il dibattito sulle riforme costituzionali.
Avrò un occhio attento sulle riforme ma…sarò concentrato sul decreto Cultura e Turismo e su quello “competitività”. le priorità degli italiani sono altre. E se Renzi, Grillo e Berlusconi si vogliono confrontare sulle riforme dimenticandosi degli italiani…..”

Rai: a Parma canone preteso dai ciechi. Centinaio e Caparini (Lega) promuovono un’interrogazione

attentialcanoneIl deputato Davide Caparini e il senatore Gian Marco Centinaio, componente della commissione di
vigilanza Rai, entrambi della Lega Nord, hanno presentato un‘interrogazione al governo per chiedere di modificare le
prassi secondo cui le associazioni e gli enti che hanno diritto alle esenzioni (come scuole, enti assistenziali, centri diurni
per anziani) devono annualmente presentare la richiesta di esonero. “Sia compilato una volta per tutte un registro per
tenere traccia di chi non deve pagare, la Rai la smetta di provocare inutili disagi”, sollecitano i due parlamentari. “Un
registro, aggiornato, e’ la soluzione piu’ semplice e comoda per evitare richieste insistenti a chi e’ esentato, come nel caso
dell’associazione ciechi cristiani di Parma, da anni indebitamente bersagliata di cedolini di pagamento, solleciti e
richieste di saldo”.
Caparini e Centinaio invitano la vigilanza Rai a “porre fine allo stalkeraggio del canone. E’ scandaloso e incivile che l’emittente pubblica tenti annualmente di mettere le mani nelle tasche dei cittadini con metodi truffaldini e spesso toni
minatori, cercando di spillare denaro anche a chi e’ esonerato. Ancor piu’ odioso che simili metodi siano messi in campo con le
associazioni di disabili”. (ANSA).ciechi canone