Buona Scuola – interrogazione a Risposta Scritta

scuolail concorso per la “buona scuola” un grandissimo FLOP

INTERROGAZIONI A RISPOSTA SCRITTA

CENTINAIO – Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca –

Premesso che:

nonostante il contingentamento dei tempi offerti ai candidati e la palese mancanza di rispetto per la professionalità dei commissari costretti a lavorare a ferragosto, è in svolgimento un concorso per titoli ed esami per l’assunzione a tempo indeterminato del personale docente nelle istituzioni scolastiche ed educative statali, come previsto dal comma 114 dell’art. 1 della legge n. 107 del 2015.

Considerato che:

-numerose sarebbero le segnalazioni di falle procedurali, sia livello organizzativo che tecnico: esiti che vedono l’ammissione alla prova orale di un numero di candidati pari a 0, scambio di codici identificativi dei candidati, oltre a numerosissime anomalie segnalate e verbalizzate sul territorio nazionale;

-gli esiti parziali ,dopo la prova scritta, evidenziano percentuali che si attestano sul 70% di candidati ritenuti non idonei, con punte dell’80% e addirittura del 100% , nonostante il MIUR stesso ne avesse precedentemente certificato l’idoneità;

-le griglie di valutazione non sarebbero univoche per tutto il territorio nazionale, con evidenti sperequazioni tra i candidati e la mancanza di oggettività delle stesse, con margini inaccettabili di discrezionalità delle diverse commissioni.

Visto che:

questo concorso sta producendo e produrrà in futuro, un grave danno ai candidati,

si chiede di sapere:

come il Ministro in indirizzo intenda intervenire, a fronte delle numerose anomalie che stanno caratterizzando la procedura concorsuale in premessa e se intenda prevedere un regime transitorio che possa garantire i candidati che saranno giocoforza fuori dalla graduatoria di merito di questo concorso, alla luce dei numerosissimi esposti inoltrati alle Procure della Repubblica di competenza.

Sen. Centinaio

CENTINAIO (LEGA): IL MEGA CONCORSO DI RENZI SULLA SCUOLA PARTE CON IL PIEDE SBAGLIATO

concorso scuolaRoma 28 Aprile: ancora una volta abbiamo un Ministero incapace di intendere e di volere. Organizzano un concorso truffa per ALCUNI insegnanti ma, come stiamo vedendo in giro per l’Italia, l’organizzazione fa acqua da tutte le parti. In alcune sedi mancano le griglie di valutazione e sono dovuti intervenire i carabinieri, a Palermo mancano i commissari che vengono sostituiti dai bidelli. Succede tutto ed il contrario di tutto. Tutto fatto in fretta e furia, senza organizzazione con lo scopo di agevolare qualcuno e lasciare fuori molti altri. Questa e’ la buona scuola di Renzi: una scuola dei privilegiati; una scuola che non è nemmeno in grado di organizzare un concorso. Il nostro consiglio? Annullare tutto, ripartire da capo. Adottare il doppio canale e assumere chi la scuola la conosce e la vive da anni.altrimenti consigliamo il Presidente Renzi di andare a casa: chi non sa nemmeno organizzare un concorso non merita di guidare l’Italia.” Lo afferma il Senatore Centinaio della Lega Nord  allibito dalle notizie che arrivano dalle sedi di concorso.

ROMA. CENTINAIO (LEGA NORD): IN PIAZZA INSIEME AI PRECARI DELLA SCUOLA

giamma9ROMA 30 marzo:” Oggi siamo stati in piazza Montecitorio insieme al Mida ed ai precari della scuola. Una manifestazione molto sentita dalla categoria degli insegnanti, a nostro parere, umiliati da un Governo che, a parole, aveva fatto della scuola il proprio cavallo di battaglia. Il concorso indetto dal Ministero fa acqua da tutte le parti, non risolve il problema dei precari, non soddisfa nessuno. Un concorso con domande aperte e valutazione soggettiva lascia molti dubbi di imparzialità e correttezza. Dobbiamo inoltre registrare la sentenza del TAR che potrebbe compromettere la correttezza del Concorso: dando ragione a molti docenti non abilitati di poter accedere al concorso.

La nostra proposta e’, ancora una volta, quella di ritirare il concorso e procedere con il doppio canale. Solo così si potrebbe riconoscere il vero diritto di chi ha lavorato una vita ed ora si vede penalizzato da un concorso farlocco promosso da un Governo farlocco”. Lo afferma il Senatore della Lega Gian Marco Centinaio

Gruppo Lega Nord e Autonomie
Il Presidente
Sen. Gian Marco Centinaio

Piazza Madama, 1 – 00186 Roma
cell. 338.6782126
gianmarco.ce[email protected]

IMMIGRAZIONE: CENTINAIO (LN), CASO SCABBIA PISA ALLUCINANTE. RIMUOVERE DIRIGENTE DIDATTICO

scabbia asl pisaROMA, 5 OTT. – ” Presentiamo un’interrogazione al ministro della salute Lorenzin e a quello dell’istruzione Giannini sul caso scabbia dell’istituto comprensivo “Gamerra” di Pisa. Il mancato controllo delle condizioni igenico-sanitarie degli immigrati portano a situazioni limite che mettono a rischio la salute dei minori come in questo caso. Vogliamo anche denunciare lo scandalo della gestione del ‘caso’ da parte della scuola. La direzione didattica, contrariamente a quanto suggerirebbe il buon senso, non ha avvisato direttamente tutti i genitori e gli insegnanti con una comunicazione ad personam, ma ha invece solo affisso in bacheca la comunicazione dell’Usl. La direzione didattica deve essere rimossa, non tutti i genitori hanno infatti letto la comunicazione e quindi non hanno sottoposto i loro figli alla sorveglianza sanitaria di rito. E’ una mancanza inaccettabile che potrebbe aver messo a rischio la salute dei bambini”.

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

CENTINAIO (LN): SCUOLA – “sciacalli” governo tradiscono bimbi disabili

giamma8ROMA, 14 SET – “Come volevasi dimostrare: la ‘Buona scuola’ di Renzi parte senza 3mila insegnanti di sostegno e con la metà delle assunzioni promesse.
Siamo vicini ai tanti bimbi traditi e alle loro famiglie.
Un governo che fa una riforma e si dimentica dei bimbi disabili è solo una cozzaglia di sciacalli e cialtroni. Per pudore i vari Renzi, Giannini e compagni dovrebbero chiedere scusa e levare il disturbo”. Così il capogruppo leghista al Senato Gian Marco Centinaio, nel giorno d’avvio delle lezioni.
“La Lega Nord, in aula, aveva proposto emendamenti specifici per risolvere il problema della carenza di insegnanti di sostegno, emendamenti presentati d’intesa con molte associazioni di genitori, ma la tagliola della fiducia imposta da Renzi ha stoppato il dibattito. Con una mossa da ‘regime’ Renzi ha imposto che la riforma procedesse con lacune imperdonabili. E a fare le spese dei suoi capricci, e delle sue prove di forza con la minoranza Dem, sono oggi i bimbi disabili e le loro famiglie. Stiamo tutta la vita con loro e con le loro mamme e papà, molti dei quali oggi stanno protestando davanti agli istituti per i sacrosanti diritti dei figli, traditi da Renzi e dal governo”. “Di ‘buono’ nella scuola renziana non c’è niente. Più che un ‘pacchetto’ di riforma è un vero e proprio ‘pacco’”.

CENTINAIO (Lega Nord): SCUOLA – riforma non sana divergenze Nord-Sud. Enorme fallimento!

1ROMA, 1 AGO. – ” I dati sui voti della maturità che attestano che al Sud i criteri sono meno stringenti che al Nord, sono molto preoccupanti.
Renzi nella sua ‘riforma’ della scuola non ha nemmeno provato a sanare il divario sull’istruzione tra il settentrione e il meridione.
È una vergogna anche perché tutte le classifiche europee certificano come la qualità dell’istruzione al Nord sia maggiore e di conseguenza anche la preparazione degli studenti sia decisamente migliore.
Un’altra occasione persa per il governo che ha centrato tutto il dibattito sui posti di lavoro agli insegnanti senza pensare al futuro dei nostri ragazzi”.

Scuola-Centinaio: collaborazione positiva con gli insegnanti

IMG_3892(ANSA) – ROMA, 10 LUG – “Purtroppo il risultato non e’ stato quello sperato ma per noi il fatto di aver intavolato un rapporto di collaborazione con le associazioni degli insegnanti e’ un risultato positivo. Sul ddl scuola e’ stato fatto un grande lavoro in commissione cultura in particolare con il senatore di Forza Italia Marin. Si e’ instaurato un ottimo rapporto che ci ha permesso di dare maggior voce a chi si opponeva al provvedimento da fuori delle aule del palazzo. Il nostro lavoro ora proseguira’ per continuare a difendere la scuola, la battaglia infatti non si e’ conclusa con l’approvazione del ddl ma proseguira’ nelle piazze”. Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.(ANSA).

Scuola: Centinaio (Ln), sosteniamo iniziativa referendaria Per abrogazione legge, nostre risorse per raccolta firme

1 (ANSA) – ROMA, 9 LUG – “Noi sosteniamo il comitato
referendario per l’abrogazione della legge e metteremo a
disposizione le nostre risorse per la raccolta delle firme”.
Così Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.
“Rimarchiamo la nostra contrarietà a questa legge che è negativa per tutti, scuola, insegnanti e studenti. Ancora una volta il governo ha proceduto con spregio non ascoltando nessuno né il parlamento né tanto meno le categorie coinvolte”, sottolinea. (ANSA).

SCUOLA: INSEGNANTI – il messaggio del Capogruppo LN, Senatore Gian Marco Centinaio

1“QUESTO E’ IL MESSAGGIO CHE NELLE SCORSE ORE HO INVIATO AI TANTISSIMI INSEGNANTI CHE NEI GIORNI SCORSI HANNO CONTATTATO IL SOTTOSCRITTO.”
– Purtroppo giovedi scorso non siamo riusciti a fermare il Sig. Renzi ed il Suo piano inaccettabile. Con la vittoria del SI ha umiliato un intero settore. quello della scuola. ha umiliato tutti coloro che lavorano e vivono in questo settore. Noi come LEGA NORD abbiamo provato a fermarlo: prima con 150 emendamenti per provare a ragionare e cambiare il provvedimento. poi, una volta messa la fiducia, con i nostri interventi in aula e con un secco NO finale. non ci siamo riusciti. mi dispiace tantissimo.
ma siamo pronti a presentarci al Vostro fianco. noi ci siamo. dobbiamo provare a fermare questo Presidente del Consiglio che NON ascolta i cittadini. NON siamo i suoi sudditi.
Come Capogruppo della LEGA NORD sono a Vostra disposizione.

Gian Marco Centinaio

SCUOLA: CENTINAIO, LEGA VOTERA’ CONTRO LA FIDUCIA

Il Presidente del Gruppo dei Senatori Lega Nord,  Senatore Gian Marco Centinaio
Il Presidente del Gruppo dei Senatori Lega Nord,
Senatore Gian Marco Centinaio

ROMA, 24 GIU “La scuola di Renzi? E’ pessima. Altro che assunzioni subito, questo provvedimento è solo l’ennesima presa in giro agli insegnanti che ancora una volta saranno umiliati da un premier che racconta solo bugie. Il governo usa ancora la fiducia bavaglio per imporre una legge che non è condivisa neanche da tutta la maggioranza. Noi per coerenza e per convinzione porteremo avanti la nostra battaglia e faremo un’opposizione durissima alla fiducia e a un testo che è da bocciare come tutto il governo. La Lega non fa sconti: Renzi se lo metta in testa”.
Lo dichiara il Capogruppo Lega Nord al Senato Gian Marco Centinaio