RAI, A PARMA CANONE PRETESO DAI CIECHI, INTERROGAZIONE CAPARINI E CENTINAIO: STOP ALLO STALKERAGGIO

ROMA, 3 LUGLIO – Lo ‘stalkeraggio’ del canone non risparmia nemmeno i non vedenti. Il caso dei cedolini da anni inviati all’associazione “Ciechi cristiani di Parma onlus” arriva alla Camera. Il deputato Davide Caparini e il senatore Gian Marco Centinaio, componente della commissione di vigilanza Rai, hanno presentato un’interrogazione al governo per chiedere di modificare le prassi secondo cui le associazioni e gli enti che hanno diritto alle esenzioni (come scuole, enti assistenziali, centri diurni per anziani) devono annualmente presentare la richiesta di esonero. “Sia compilato una volta per tutte un registro per tenere traccia di chi non deve pagare, la Rai la smetta di provocare inutili disagi”, sollecitano i due parlamentari. “Un registro, aggiornato, è la soluzione più semplice e comoda per evitare richieste insistenti a chi è esentato, come nel caso dell’associazione ciechi cristiani di Parma, da tre anni indebitamente bersagliata di cedolini di pagamento, solleciti e richieste di saldo”. Caparini e Centinaio invitano la vigilanza Rai a “porre fine allo stalkeraggio del canone. È scandaloso e incivile che l’emittente pubblica tenti annualmente di mettere le mani nelle tasche dei cittadini con metodi truffaldini e spesso toni minatori, cercando di spillare denaro anche a chi è esonerato. Ancor più odioso che simili metodi siano messi in campo con le associazioni di disabili”

RAI: CENTINAIO (LN), SE RENZI VUOLE ABOLIRE CANONE, PD VOTI EMENDAMENTO IN DL IRPEF

Roma, 6 mag – ” Se quella di Renzi non è la solita e ritrita butade elettorale e vuole davvero abbracciare la causa storica della Lega Nord sull’abolizione dell’iniqua e anacronistica tassa di possesso del televisore, cioè il canone Rai, faccia votare al Pd il nostro emendamento al decreto legge Irpef che ne sancisce una volta per tutte l’eliminazione.
renziDubitiamo comunque della concretezza della proposta del premier, visto che nelle ultime settimane ha cambiato idea parecchie volte: prima voleva addirittura imporlo nella bolletta elettrica, poi utilizzare parte dei proventi per il bonus di 80 euro e ora dice di volerlo eliminare.
La Lega Nord gli offre l’opportunità di dare finalmente seguito alle roboanti dichiarazioni, sono più di vent’anni che aspettiamo questo momento”.
Lo dichiara Gian Marco Centinaio, componente per la Lega Nord della commissione di vigilanza Rai.

Rai: Centinaio, canone tassa amorale

ROMA, 16 APRILE – “Apprendiamo che il governo ha intenzione di imporre a tutti il pagamento del canone Rai mettendo l’odiosa e amorale tassa direttamente nella bolletta elettrica. Gli introiti derivanti dai presunti evasori sarebbero di circa 600 milioni e saranno divisi tra tesoro per finanziare le tanto promesse riforme di Renzi e gli altri saranno destinati alla Rai per non offrire nulla di interessante ed educativo ai cittadini ma per continua di stato è penoso, farne ora addirittura  una questione di principio e definire evasori coloro che decidono di non pagarlo è un chiaro segnale di demenza. Il governo faccia un passo indietro e non si azzardi a perorare una tale scellerata decisione”.re a mantenere il baraccone e i relativi timonieri. Da sempre pensiamo che non pagare il canone sia un diritto dei cittadini perché il servizio offerto dalla sedicente tv

300_CENTINAIO GIANMARCO 4

 

Lo dichiara Gian Marco Centinaio, componente per la Lega Nord della commissione di vigilanza Rai.

Sanremo – Compensi faraonici pagati con il canone –

SANREMO: CENTINAIO “COMPENSI FARAONICI PAGATI CON IL CANONE”
ROMA (ITALPRESS) – “Sanremo non e’ pagato con i soldi degli
sponsor, ma con quelli del canone. I cittadini sappiano che i
compensi milionari sono pagati con il sacrificio del loro lavoro.
Sarebbe giusto che i telespettatori fossero informati
adeguatamente, proponiamo quindi una ‘striscia informativa’ fissa
che per tutto il tempo del Festival riporti in video la scritta
‘quello che stai vedendo e ascoltando e’ pagato da te’. Il canone
e’ una tassa iniqua e che deve essere abolita, a maggior ragione
dopo il buco da 20 milioni frutto delle spese ‘allegre’ del
Festival e certificato dalla corte dei conti e dalla scelta di
erogare compensi fuori da ogni logica concedendoli tra l’altro a
presentatori ideologizzati e stantii come Fazio e Littizzetto”.
Lo dichiara – in una nota – Gian Marco Centinaio, componente della
commissione Vigilanza Rai per la Lega Nord.
(ITALPRESS).