*Riso: Lega, no dazi a Cambogia, vergogna Ue e Gentiloni*

Roma, 12 feb. – “La decisione ufficiale della Commissione Europea di non includere il riso cambogiano tra i prodotti che saranno sottoposti a dazi d’ingresso in Europa dalla prossima primavera è una vergogna per le istituzioni comunitarie e per Paolo Gentiloni, che tutto fa tranne che l’interesse dell’Italia e delle sue aziende. Quanto stabilito oggi è un colpo bassissimo che l’Europa assesta alle nostre eccellenze di settore, un’insopportabile lasciapassare a chi sta sul mercato in modo scorretto, a chi fa della violazione sistematica di diritti sindacali e sociali il suo modus operandi. Ancora una volta l’Europa matrigna si dimentica della grande capacità imprenditoriale del comparto risiero italiano, se è vero come vero che il riso di qualità “Indica” arriverà in tutta Europa senza alcuna restrizione, fiaccando così leggi di mercato e una sana competizione industriale. In tutto questo, il silenzio assordante e l’assenza di strategia del ministro Bellanova sanno di vero e proprio insulto verso il riso italiano che non può restare senza strumenti di difesa dalle esportazioni asiatiche”.

Così i senatori della Lega Gian Marco Centinaio, già ministro delle politiche agricole e Giorgio Maria Bergesio, capogruppo in commissione agricoltura.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone