Xylella: Centinaio a Lezzi, nessun decreto non firmato =

(AGI) – Roma, 9 ago. – “Nessun decreto in questo ministero

risulta non firmato dal sottoscritto. I trecento milioni

allocati nella legge sulle Emergenze agricole sono gia’

previsti per gli esercizi finanziari 2020 e 2021. Tutti gli

atti propedeutici saranno pronti in tempo utile perche’ le

risorse siano effettivamente utilizzabili dal primo gennaio

2020.” Cosi’ commenta il ministro delle politiche agricole

alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio in

risposta al ministro per il Sud Barbara Lezzi in visita oggi a

Lecce. “Il Mipaaft sta lavorando al piano di rilancio

dell’economia pugliese. A tal fine, lo scorso 16 luglio e’

stato svolto un primo incontro con i frantoiani volto a

definire le priorita’ di intervento, in modo da indirizzare in

maniera efficace e veloce le risorse disponibili e dare

risposte concrete agli operatori salentini duramente colpiti

dall’emergenza Xylella. Altri incontri saranno previsti nel

mese di settembre. Noi andiamo avanti a lavorare come abbiamo

fatto fino ad ora per il bene del comparto agricolo pugliese e

di tutto il Mezzogiorno”. (AGI)

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Cipe: via libera ad opere irrigue in Sicilia per 40,6 mln

(ANSA) – ROMA, 01 AGO – Via libera dal Cipe ad un

finanziamento di 40,6 milioni di euro da destinare a tre opere

irrigue in provincia di Palermo. E’ stata di fatto approvata la

proposta avanzata dal Ministero delle Politiche agricole

alimentari, forestali e del turismo di rimodulare i fondi già

stanziati da precedenti delibere tra il 2002 e il 2012.

La cifra allora prevista, pari a circa 40 milioni, avrebbe

dovuto sostenere il progetto “Derivazione dal Fiume Belice

destro e affluenti nel serbatoio di Garcia”. Sulla base del

notevole allungamento dei tempi di progettazione, della

lievitazione dei costi e delle diverse valutazioni strategiche

effettuate, in accordo con la Regione Siciliana, fa sapere il

ministero, è stato deciso di rimodulare la somma iniziale,

finanziando tre nuovi interventi che riguarderanno per lo più,

opere di ammodernamento delle reti di distribuzione irrigua in

diverse zone individuate sul territorio. (ANSA).

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

TURISMO: MIPAAFT, AL VIA A SETTEMBRE PRIMO MEETING NAZIONALE DEL TURISMO

Il 13 e 14 settembre si aprirà a Ferrara il primo Meeting Nazionale sul Turismo. Una vera propria agorà del turismo italiano, che vedrà la partecipazione di tutti gli attori del settore: Ministero, Enit, Regioni ed enti locali, associazioni di categoria e professionisti.

L’evento, promosso dal Mipaaft, sarà una due giorni ricca di dibattiti, tavole rotonde e sessioni tematiche. Il primo vero momento di confronto tra istituzioni e privati, un progetto importante, destinato a rappresentare in Italia un vero e proprio appuntamento per analizzare e disegnare agenda e strategie politiche, puntando su crescita, qualità, obiettivi, regole, promozione e marketing.

“Ho voluto riunire tutto il mondo del turismo. Superare il vecchio concetto di Stati generali e creare finalmente un momento di confronto per fare rete e creare strategie per far diventare il turismo italiano sempre più competitivo ed attrattivo. L’obiettivo è costruire una politica industriale del turismo. Stiamo lavorando come Ministero con le Regioni, l’Enit e i privati”. E’ quanto dichiara il Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio. “Quello di Ferrara sarà un grande meeting, in cui tutti insieme raccoglieremo spunti, proposte ed idee. Il Sistema Italia, il brand Italia di cui parlo è questo: una vera squadra, fatta di interlocutori importanti, che lavorano insieme per far crescere questo settore, trainante per il nostro Paese”.

“Un’ecumenica visione turistica. Anche ad Enit sta a cuore armonizzare il settore per approdare a posizioni condivise sugli strumenti di promozione turistica dando spazio a tutte le idee innovative dei protagonisti del settore. Per questo con il Meeting del Turismo sono stati previsti tavoli specializzati di discussione con centinaia di stakeholders ed esperti di settore. Si parlerà di qualità dei servizi, di normative e regolamentazione dei sistemi, di turismo accessibile e di promozione e marketing”, sottolinea il Presidente dell’Enit, Giorgio Palmucci. “L’ultimo appuntamento risale al 2016, e ora il Mipaaft del Ministro Centinaio e la nuova Enit hanno voluto riportarlo in auge in quanto evento cruciale per l’indirizzo dell’industria turistica. Lo faremo animando il cuore delle location più suggestive di Ferrara attraverso incontri itineranti come al Teatro Comunale e al Castello Estense perché il buon turismo non può prescindere da processi di integrazione territoriale che creino una rete globale strutturata dell’offerta”.

“Siamo orgogliosi di ospitare a Ferrara queste giornate di studio e approfondimento su tematiche così importanti – afferma il sindaco del capoluogo estense Alan Fabbri – un appuntamento che va a sottolineare e valorizzare la vocazione turistica della nostra città, il ruolo e la posizione strategica nella rete italiana e internazionale di luoghi storici e tradizionalmente attrattivi. Il nostro territorio è particolarmente ricco di beni monumentali e artistici, nonché di strutture accoglienti per ogni tipologia di visitatore e turista. Il nostro impegno sarà anche quello, grazie agli stimoli che emergeranno nei temi trattati il 13 e 14 settembre da prestigiosi relatori, di valorizzare ancor di più un patrimonio fondamentale per la collettività in termini sia economici sia culturali”.

L’evento, sarà aperto dall’intervento del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e dal Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio, a cui saranno affidate anche le conclusioni del Meeting. Al termine della due giorni sarà presentato il “Programma operativo 2019-2020” a cura del Dipartimento Turismo del Mipaaft.

Nelle prossime settimane sarà divulgato il programma dettagliato del Meeting.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Centinaio: “Ai giovani agricoltori servono tecnologie”

(ANSA) – ROMA, 17 LUG – “Il nostro paese ha bisogno di

momenti come questo, perché l’agricoltura Italiana è

un’agricoltura che deve andare nella direzione che stanno

chiedendo gli agricoltori italiani, in particolare gli

agricoltori giovani. In Europa siamo l’agricoltura che ha più

giovani in agricoltura, e questi hanno bisogno di nuove

tecnologie”. Lo ha detto oggi a Roma il ministro

dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio (Lega), alla prima

edizione del “Premio nazionale per l’innovazione” di

Confagricoltura.

“Quando vengono fatti eventi come questi – ha aggiunto il

ministro -, dove si valorizzano le tecnologie e si valorizza

l’agricoltura del presente e del futuro, penso che si vada nella

direzione che stiamo chiedendo noi del governo. Quindi un plauso

a Confagricoltura per il lavoro che ha fatto e sta facendo, e al

presidente Giansanti, che è molto attento a questi argomenti. Mi

trova al suo fianco”. (ANSA).

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

UE | CENTINAIO A BRUXELLES: AL CENTRO PAC, ZUCCHERO, PESTE SUINA, ACCORDO MERCOSUR E RISO DA MYANMAR

ll Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio, ha partecipato oggi a Bruxelles al Consiglio europeo dei Ministri dell’Agricoltura e della Pesca. Al centro della discussione: il futuro della Pac dopo il 2020, il settore dello zucchero, la situazione sulla peste suina africana, l’accordo commerciale Mercosur, la crescita delle importazioni di riso Japonica dal Myanmar e l’esito della terza conferenza ministeriale UE – Unione africana.

Sull’accordo commerciale Mecorsur si è ribadito come sia un accordo molto sbilanciato a danno dell’intera agricoltura europea, anche perché i problemi si riscontrano su più fronti: riso, carne avicola, vino, pasta e zucchero. Per non parlare del capitolo delle indicazioni geografiche: le deroghe previste sono troppe.

Sul fronte risicolo, a seguito della crescita di importazioni dal Myanmar, il Ministro ha chiesto alla Commissione di monitorare con estrema attenzione la situazione, di attivare appositi controlli nei punti di entrata, per verificare la qualità del prodotto e, se del caso, attivare un’indagine finalizzata ad un possibile ripristino dei dazi.

Per quanto concerne la PAC, il Ministro Centinaio ha ribadito come “l’Italia condivide la proposta di una Politica agricola comunitaria più ambiziosa dal punto di vista ambientale purché non si traduca in maggiori oneri e complicazioni per il mondo agricolo, soprattutto se non adeguatamente remunerati”.

Sulla peste suina infine è stato ricordato come sia stato adottato un piano di contrasto alla diffusione della malattia che in termini di prevenzione, pone l’accento sulla biosicurezza dell’allevamento e della caccia, investe nella formazione degli operatori e nell’informazione dei viaggiatori, incentiva la sorveglianza passiva e considera l’opzione della diminuzione della densità di cinghiali.

Il Ministro Centinaio ha poi partecipato ad un incontro bilaterale con il Commissario Andriukaitis, al quale ha illustrato la posizione italiana sui diversi schemi di etichettatura nutrizionale proposti da alcuni Stati membri e ha chiesto alla Commissione europea di non approvare modelli fuorvianti per il consumatore e assolutamente distorsivi rispetto al concetto di qualità sostenuto a livello europeo.

Un tema così importante, da cui dipende la salute e la qualità della vita di milioni di consumatori europei, non può infatti essere banalizzato con un sistema di etichettatura non rappresentativo della qualità dei singoli prodotti e non rappresentativo del territorio da cui questi provengono.

Il Ministro Centinaio ha poi colto l’occasione per invitare il Commissario Andriukaitis in Italia per il prossimo settembre, in modo da condividere i passi in avanti compiuti dalle Autorità italiane nella lotta alla Xylella.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Turismo, Centinaio: “Oggi giorno importante per turismo italiano” (10.07.2019)

“Oggi è un giorno importante per il Turismo italiano. E’ stata approvata alla Camera la legge Delega al Turismo che contiene importantissimi emendamenti, fondamentali per tutto il settore, da troppi anni senza una visione strategica e programmatica all’altezza. Grazie al lavoro portato avanti dal mio Ministero, all’impegno profuso e agli spunti di riflessione dei colleghi in Parlamento e della relatrice e capogruppo in commissione Attività produttive, On. Giorgia Andreuzza, l’Italia si potrà finalmente dotare di una legge sul turismo che darà uno slancio concreto a quello che ritengo essere uno dei settori più importanti del nostro Paese e concretizzare quanto fatto tutti insieme in questi mesi”.  E’ quanto dichiara il Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio. “Abbiamo deciso di guardare alle categorie deboli, al territorio, in tutte le sue declinazioni, alle radici, solo per citare alcuni provvedimenti, per poter dare un indirizzo specifico e non più astratto a tutto il comparto. Il turismo accessibile, il turismo rurale, il turismo sanitario e termale, il turismo esperienziale, l’itti turismo, e il turismo delle radici, potranno ciascuno rispondere a esigenze, caratteristiche e peculiarità di ciascun viaggiatore, senza lasciare più nulla al caso. In meno di un anno abbiamo portato a casa il codice identificativo, la carta del turista, la tax credit” – continua il Ministro Centinaio, – “stiamo continuando a lavorare su importanti accordi di promozione internazionale, abbiamo rilanciato l’Enit, oggi è la volta della legge delega sul turismo. Continuiamo a lavorare con serietà per portare a casa provvedimenti concreti, non vuote promesse, che porteranno il turismo, a diventare sempre di più uno dei settori trainanti del sistema Italia”.

Ufficio Stampa

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Conferenza Stampa Turismo Accessibile, Centinaio, Fontana e Stefani: illustrate iniziative previste nel disegno di legge delega (10.07.2019)

Oggi, 10 luglio 2019, presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo si è svolta la conferenza stampa sul “Turismo Accessibile” con il Ministro Sen. Gian Marco Centinaio, il Ministro per la Famiglia e le disabilità On. Lorenzo Fontana e il Ministro per gli affari regionali e le autonomie Sen. Erika Stefani. Nello specifico, sono state illustrate le iniziative sul turismo accessibile previste nel disegno di legge delega in materia di turismo.

Il Ministro Centinaio ha sottolineato l’importanza dell’accessibilità nel comparto turistico affermando come “il turismo accessibile sia un concetto trasversale rispetto a tutti i tipi di turismi, che si concretizza in un mercato universale, per interagire con il quale dobbiamo necessariamente mettere a sistema una visione fatta di conoscenze e competenze che oggi sono patrimonio di pochi e farla diventare invece patrimonio condiviso.” In particolare, ha affermato “attraverso il Disegno di Legge Delega al Governo in materia di turismo all’esame dell’aula della Camera dei Deputati stiamo lavorando per realizzare lo sviluppo di un turismo accessibile in grado di rispondere alle esigenze particolari delle persone con disabilità, famiglie numerose, anziani e giovani attraverso: la formazione delle figure professionali e tecniche per tutta la filiera turistica; la riqualificazione e la valorizzazione delle strutture turistico ricettive; l’individuazione e l’utilizzo di immobili del patrimonio pubblico da destinare a un’offerta turistica a costo contenuto; l’istituzione di del brand “Turismo accessibile Italia” e la promozione di una rete, denominata “rete accessibile”, tra i soggetti pubblici e privati per la promozione di un’offerta integrata di servizi turistici.” Ha concluso Centinaio.

“Pensare e progettare in modo accessibile vuol dire diventare, come comunità, più inclusivi, e come sistema Paese, più competitivi.” Ha dichiarato il Ministro per la Famiglia e le disabilità Lorenzo Fontana. “Iniziative come questa, orientate a favorire e a potenziare il sistema dell’accessibilità nel settore turistico, sono l’esempio di un grande lavoro di squadra –  ha proseguito – in particolar modo tra i ministri della Lega e di una sensibilità diffusa sui temi della disabilità, che ci porta a costruire, insieme, risposte concrete.” 
“Così è stato, ad esempio, col ministro Bussetti, con l’assunzione di 40mila nuovi insegnanti di sostegno così è oggi e così continuerà ad essere. Con questo stesso spirito ho inoltre personalmente sollecitato il Ministero del Lavoro a occuparsi, per competenza, del primo Piano nazionale per la non autosufficienza e ho fatto altrettanto col Mit, in particolare per condurre in porto il progetto della Banca dati nazionale unica del contrassegno, che consentirà alle persone con disabilità di accedere ai centri storici delle città senza odiose peripezie burocratiche”. Ha concluso Fontana

Il ministro per gli Affari Regionali Erika Stefani ha ricordato che “il turismo è un diritto per tutti e per le persone con disabilità è un’occasione di inclusione sociale che deve essere incentivata e non negata. Al governo è stato fatto un lavoro di squadra per garantire pari dignità e pari opportunità ponendo finalmente la giusta attenzione al tema dell’accessibilità. Le regioni giocano un ruolo fondamentale e mi impegno a sollecitare quei territori che ancora devono compiere sforzi per garantire a tutti i cittadini la possibilità di godere delle meravigliose località turistiche che  – ha concluso Stefani – l’Italia offre”.

Ufficio Stampa

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

⭕️⭕️⭕️Colline Prosecco Patrimonio Umanità⭕️⭕️⭕️ Centinaio: “Riconoscimento a paesaggio culturale di valore mondiale” (07.07.2019)

“Oggi è una giornata storica per il Veneto e l’Italia intera. Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono finalmente, e giustamente, patrimonio dell’umanità. Un grande riconoscimento che valorizza le straordinarie qualità sceniche e le tradizioni di un paesaggio culturale unico di eccezionale valore mondiale. Una terra dalla quale nascono i frutti che danno vita a uno dei prodotti che più caratterizza l’eccellenza del nostro made in Italy”. Il Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Sen. Gian Marco Centinaio commenta con soddisfazione da Baku l’iscrizione delle colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene nella lista mondiale UNESCO dei siti patrimonio dell’umanità. La decisione è stata ufficializzata oggi nella capitale azera nel corso della 43˚ sessione del Comitato Mondiale UNESCO.
“Questo risultato arricchisce l’insieme dei siti e beni italiani presenti nella prestigiosa lista UNESCO – sottolinea Centinaio – e conferma, ancora una volta, la grande attenzione mondiale nei confronti del patrimonio naturale e culturale del nostro Paese. Desidero ringraziare tutti coloro che hanno creduto e contribuito a questo successo. Il mio plauso va alle autorità italiane che, a tutti i livelli, hanno profuso i loro impegno verso l’Organizzazione delle Nazioni Unite, condividendo e tutelando i valori della cultura, della scienza e dell’educazione”.
“Questo riconoscimento è un punto di partenza per il futuro. Adesso la sfida che ci attende è quella della conservazione dei caratteri specifici e tradizionali di questo splendido territorio quale Patrimonio da trasmettere alle future generazioni, a beneficio dell’intera Umanità”, conclude Centinaio.

Ufficio Stampa

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

❌❌❌ TURISMO ESTATE: CENTINAIO, ‘ITALIA ATTRAE, LAVORIAMO PER ALLUNGARE E MIGLIORARE OFFERTA’ =

Roma, 4 lug. (AdnKronos) – “Quando qualche settimana fa è uscita la

notizia che la stagione sarebbe stata negativa molti mi hanno

attaccato. Oggi mi piace ricordare invece che le previsioni di calo

riguardavano il mese di maggio e giugno, poiché la stagione non era

partita nel migliore dei modi a causa delle condizioni meteo.

Nonostante siano ripartite alcune destinazioni estive come Tunisia,

Mar Rosso e Turchia che comunque ci portano via un po’ di turisti,

stranieri ma anche italiani, l’Italia è comunque un Paese che continua

ad attrarre. Rimane una destinazione importante”. Così il ministro

delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian

Marco Centinaio, intervenendo alla trasmissione Economia 24 in onda su

Rai News 24 commenta le ultime positive proiezioni sulla stagione

turistica estiva.

“Come ministero, insieme alle Regioni e ai privati, stiamo lavorando

per allungare l’offerta media della stagione turistica – aggiunge

Centinaio – in modo che non si riduca solamente al mese di agosto, e

fornire anche delle attività diverse rispetto alla semplice offerta

mare. Stiamo facendo una serie di operazioni a livello internazionale

– ricorda – con la Cina l’anno prossimo e con Enit che sta lavorando

per promuovere l’Italia in giro per il mondo. Penso che si possa

veramente affermare che il turismo è uno dei settori trainanti del

settore Italia”, conclude.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

SVILUPPO, CENTINAIO: PUNTARE SU TURISMO LENTO E ALTOSPENDENTE

(9Colonne) Roma, 27 giu – “Serve puntare su un’offerta turistica diversa senza congestionare le città e senza includere sempre i soliti posti, perché l’Italia è varia e non si riduce a quelle mete turistiche che abbiamo sempre proposto all’estero”. Così Gian Marco CENTINAIO, ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo intervenendo alla presentazione del Polo per lo sviluppo del turismo in Italia, lanciato oggi da Ferrovie dello Stato. Secondo il ministro occorre “andare ovunque a promuovere tutto ciò che di diverso abbiamo nel nostro paese”. Tra le altre cose è fondamentale promuovere il turismo lento: “si parla di milioni di turisti che girano il paese in bicicletta, a piedi o in treni storici”, afferma il ministro. Serve puntare inoltre sul “turismo altospendente: ovvero prendere fasce di turismo che portano in italia reddito perché vengono in italia a spendere e questo è fondamentale per la nostra economia”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone