MOTO: CENTINAIO VISITA STAND FMI A EICMA MILANO

Il ministro delle Politiche agricole e del Turismo, Gian Marco CENTINAIO, e’ passato questa mattina allo stand Fmi all’Eicma di Milano. Visita non solo di cortesia istituzionale ma anche per ribadire le problematiche legislative legate ai territori sulla pratica sportiva del motociclismo. Non sono mancati approfondimenti sul sistema turistico legati alla due ruote e al consolidamento del rapporto fra la Fmi e l’Arma dei Carabinieri Forestali. Il responsabile delle Politiche istituzionali della Fmi, Tony Mori, a nome del Presidente Fmi Giovanni Copioli, ha consegnato al ministro CENTINAIO un riconoscimento della Federazione Motociclistica Italiana. “Ringrazio il ministro CENTINAIO per la sua cortese visita e sono certo che il nostro costante dialogo istituzionale sia fondamentale per arrivare a soluzioni costruttive – le parole di Copioli – Una preziosa testimonianza di vicinanza e consolidamento che la Fmi ha e continua ad avere nei confronti delle piu’ alte istituzioni italiane”

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Agricoltura: Centinaio, con Prandini a tutela Made in Italy. Ci attende sfida importante, buon lavoro a presidente Coldiretti

Roma, 7 NOV – “Congratulazioni al neo presidente di Coldiretti, Ettore Prandini. La sua esperienza e la sua conoscenza del territorio rappresentano un valore aggiunto per tutto il comparto agricolo nazionale. Ringrazio il presidente uscente Roberto Moncalvo per il prezioso contributo apportato in questi anni; un lavoro che, sono certo, continuerà a portare avanti all’interno dell’associazione”. Così il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, in una nota. ”Con il neo-presidente proseguirò – annuncia il ministro Centinaio – la proficua collaborazione su temi cruciali per il Ministero: la tutela del Made in Italy agroalimentare, la valorizzazione dei nostri territori in sinergia con lo sviluppo del turismo e la promozione delle nostre eccellenze in Europa e nel Mondo. Nei prossimi mesi ci attendono importanti sfide. Penso alla discussione della nuova Pac, alla revisione dei trattati internazionali, al rafforzamento dei controlli sulla filiera e sul web. Sarà fondamentale lavorare insieme, coinvolgendo tutti, ognuno per le sue competenze: industria e cooperative di trasformazione delle materie prime, grande distribuzione, piccole e medie imprese”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGRICOLTURA, DOMANI IL MINISTRO CENTINAIO ALL’EIMA DI BOLOGNA PER CONFRONTO COSTRUTTIVO CON OPERATORI DEL SETTORE

“Sarei dovuto andare in Cina per una missione organizzata già da tempo con l’obiettivo di confrontarmi con la comunità imprenditoriale italiana, consolidare i rapporti economici attraverso accordi mirati e aprire nuovi sbocchi commerciali sia per il Made in Italy agroalimentare che per il turismo. Impegni istituzionali improrogabili mi hanno invece trattenuto in Italia. Domani quindi potrò essere a Bologna alla 43^ edizione dell’Esposizione Internazionale di Macchine per l’Agricoltura e il Giardinaggio dove non incontrerò il presidente di Federunacoma Alessandro Malavolti, che mi sembra abbia già avuto il suo quarto d’ora di visibilità, ma gli operatori del settore che mi hanno contattato per confrontarsi seriamente in maniera propositiva, dando così loro risposte e sbloccando situazioni rimaste congelate dalla passata legislatura”.

Così il Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, sen. Gian Marco Centinaio.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

PISA: CENTINAIO, ROSSI IN MALAFEDE SU INCENDIO, IN CERCA DI POLEMICA =

“Da settimane Mipaaft lavora con Regione Toscana per trovare soluzione”

Roma, 7 nov. – “Il governatore ROSSI oltre a essere scorretto, dovrebbe iniziare ad essere più chiaro con sé stesso. Non è accettabile che dichiari che il Governo non sta facendo niente per l’incendio nel pisano. O è in malafede o è semplicemente alla ricerca di una sterile polemica politica per avere il suo momento di visibilità e tentare di addossare su altri sue specifiche responsabilità”. Ad affermarlo in una nota è il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio. “Enrico ROSSI – rileva Centinaio- non può non sapere, infatti, che i tecnici del Mipaaft stanno lavorando da settimane con la Regione Toscana per trovare una soluzione a un grave problema in cui le schermaglie politiche non dovrebbero entrare. Non si fa politica sulla pelle degli agricoltori e di quanti sono stati danneggiati da un incendio di proporzioni devastanti come è stato quello di Monte Serra. Se ritiene di non aver bisogno del lavoro del ministero delle Politiche agricole, può benissimo provare a risolvere la situazione da solo, magari provando a bussare alla porta dei suoi compagni di partito che ci risulta, nella sua regione, siano sempre più in difficoltà e in calo di consensi”, conclude il ministro.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Agricoltura: Centinaio, è sostenuta dalla ricerca

(ANSA) – PAVIA, 5 NOV – “Qualcuno si sarà chiesto: perché invitare un ministro dell’Agricoltura e del Turismo all’ inaugurazione di un anno accademico? E’ presto detto. Agricoltura e turismo sono due settori che hanno più che mai bisogno di sostegno dal mondo della cultura e della ricerca che nell’ Università trovano il loro habitat naturale”. Lo ha sottolineato oggi il ministro Gian Marco Centinaio intervenendo a Pavia alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico del locale Ateneo. Una presenza, quella di Centinaio, che è stata contestata da alcuni docenti che hanno disertato l’evento e da un gruppo di studenti che hanno organizzato manifestazioni di protesta fuori dall’Aula Magna. “Oggi più della metà di chi lavora in agricoltura – ha aggiunto Centinaio – è rappresentato da giovani laureati. Il rapporto tra agricoltura e mondo accademico è più che mai stretto. Ed è altrettanto importante anche l’apporto dell’Università al turismo, un settore in cui servono sempre più figure manageriali e persone che conoscano bene le lingue straniere”. Una considerazione, quella del ministro, condivisa anche del professor Fabio Rugge, rettore dell’Università di Pavia: “L’agricoltura – ha detto il rettore, a margine della cerimonia di questa mattina – non è più solo vanga e aratro; è anche biologia, fisica, management. La nostra università tra i suoi corsi ha anche quelli su queste materie. Per questo cerchiamo di aiutare la provincia di Pavia, che sta soffrendo ancora sul piano economico, sia nell’agricoltura sia nel turismo”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Università: ministro Centinaio, polemiche non mi interessano

(ANSA) – PAVIA, 5 NOV – “Il nostro Paese ha ben altre
priorità rispetto a polemiche organizzate da qualcuno, e
pubblicate da altri. Sono questioni che non mi interessano”. Il
ministro Gian Marco Centinaio ha spiegato così, a margine della
cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università
di Pavia, la sua decisione di non fare alcun cenno, nel suo
intervento, alle discussioni nate nei giorni scorsi in merito
alla sua presenza oggi nell’Ateneo pavese come ospite d’onore.
Una presenza contestata da alcuni docenti, che hanno
disertato l’evento, e da diversi studenti: il ‘Coordinamento per
il diritto allo Studio’ e ‘Potere al Popolo’ hanno organizzato
due sit-in in Università vicino all’Aula Magna. Si è sentito
anche qualcuno gridare “via i razzisti dall’Università” e,
all’uscita del corteo accademico e delle autorità dell’Aula
Magna, gli studenti che protestavano hanno cantato “Bella Ciao”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Università: Centinaio, 100 mln e altri 100 per ricercatori

(ANSA) – PAVIA, 5 NOV – “Il sostegno all’università, una
delle eccellenze del nostro Paese, è al centro dell’azione del
Governo”. Lo ha dichiarato questa mattina a Pavia, intervenendo
alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico, il
ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio. “Il
Governo – ha sottolineato Centinaio – ha previsto uno
stanziamento di 100 milioni di euro per finanziamenti ordinari
al sistema accademico italiano; altri 100 milioni verranno
stanziati per i contratti dei ricercatori”. Fuori dall’Aula
Magna la presenza del ministro leghista è stata contestata da
diversi studenti, con le manifestazioni organizzate dal
Coordinamento del Diritto allo Studio e da ‘Potere al Popolo’.
Nel suo intervento Centinaio non ha fatto cenno alle polemiche
nate per il suo invito, come ospite d’onore, per l’inaugurazione
dell’anno accademico. (ANSA).

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Agricoltura: CENTINAIO, aiutare giovani area cratere a fare impresa =

Ascoli Piceno, 23 ott. – “L’obiettivo che abbiamo, in questo momento, e’ aiutare i giovani a fare impresa, a vivere serenamente e pensare al futuro in zone, belle e devastate, come queste”. Cosi’ il ministro delle Politiche agricole, Gian Marco CENTINAIO, al termine della riunione del Tavolo politico strategico delle Marche per la programmazione agricola. “Quello che ho visto fa molto pensare, offre spunti di riflessione”, ha spiegato il ministro, che questa mattina, accompagnato dal vicepresidente della Regione e assessore all’Agricoltura Anna Casini, ha visitato tre aziende agricole terremotate e incontrato i rappresentanti delle associazioni regionali di categoria del mondo rurale marchigiano, i sindaci del territorio. “Ho chiesto all’assessore di farmi vedere quelle che sono le zone piu’ importati da valorizzare”, ha aggiunto a conclusione di una ‘full immersion’ per prendere conoscenza dei problemi sul tappeto e della volonta’ di ripartite mostrata dal mondo agricolo. “Quella marchigiana e’ una terra colpita da un dramma, ma con gente fiera, persone con tantissima dignita’, che vogliono proseguire il loro lavoro e che amano le proprie tradizioni e radici – ha concluso il ministro CENTINAIO -. Sono le persone che piacciono a me. Le Marche, dopo il Lazio, sono la seconda tappa concordata con le Regioni per visitare le zone terremotate”
– Da questa mattina, il ministro per le Politiche agricole, Marco CENTINAIO, ha visitato realta’ imprenditoriali avviate da giovani agricoltori ad Arquata del Tronto (Ascoli Piceno), Montefortino (Fermo) e Pieve Torina (Macerata).Qui, ultima tappa del suo viaggio marchigiano, ha avuto luogo nel primo pomeriggio il Tavolo politico strategico delle Marche. “Al ministro abbiamo fatto vedere le realta’ delle aree interne che hanno avuto grandi sofferenze – ha riferito la vicepresidente della Regione, Anna Casini -, ma dove ci sono imprenditori giovani e tenaci, che stanno attuando progetti di grandissima qualita’, importanti per la rinascita di queste zone non soltanto dal punto di vista agricolo ma anche dal punto di vista turistico”. “Abbiamo a disposizione 160 milioni di euro aggiuntivi, per le zone terremotate e 110 sono gia’ stati stanziati – ha poi aggiunto -. Al ministro abbiamo raccontato anche questo, evidenziando la volonta’ della Regione Marche di puntare sui giovani e sulla qualita’ espressa dall’entroterra”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

MIPAAFT, MINISTRO CENTINAIO INCONTRA GUIDE TURISTICHE: “NECESSARIO RIORDINO DELLE PROFESSIONI TURISTICHE”

“Le guide turistiche sono il biglietto da visita del nostro Paese. Siamo sulla strada giusta e la mia intenzione è quella di arrivare presto ad una soluzione per il settore. L’Italia ha bisogno di un riordino delle professioni turistiche, una legge che chiarisca bene chi fa cosa. Dobbiamo capire che il turista cambia e cambiano anche le esigenze. Dobbiamo essere competitivi. La prima cosa che farò sarà ascoltare gli assessori regionali e attivare un confronto con le associazioni nazionali di riferimento per sederci tutti intorno allo stesso tavolo. Nessuno deve essere lasciato indietro.”

Così il Ministro delle politiche agricole alimentari forestali Gian Marco Centinaio nel corso dell’incontro con le guide turistiche che si è svolto oggi pomeriggio al Mipaaft

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

+++ Consiglio Europeo dei Ministri dell’Agricoltura e del Turismo +++

Il Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio, nel corso del Consiglio Europeo dei Ministri dell’Agricoltura e del Turismo, a Lussemburgo, ha tenuto due relazioni, una sulla Peste Suina e una sul Tonno Rosso, in cui ha portato avanti la posizione del Governo Italiano su questioni particolarmente delicate per i comparti interessati.

Per quanto riguarda la Peste Suina, il Ministro Gian marco Centinaio, ha ricordato che “Nessun paese dell’Unione è esente dal rischio di diffusione della peste suina. L’evoluzione della malattia, che abbiamo osservato soprattutto durante la scorsa estate, ci impone di capire il nuovo contesto epidemiologico in cui ci troviamo e sulla base di questo calibrare le risposte in una nuova strategia”, a partire dall’intensificazione dei controlli, la diminuzione della popolazione di cinghiali e l’aumento del livello di biosicurezza. Fondamentale però resta la necessità – come ha sottolineato il Ministro Gian Marco Centinaio, da parte della Commissione Ue, “di non accettare decisioni unilaterali da parte di paesi terzi indenni o colpiti dalla stessa malattia che applicano misure restrittive non in linea con il codice della salute degli animali terrestri dell’OIE”.

Per quanto riguarda la Pesca del Tonno Rosso, il ministro Centinaio, dal momento che i piani di ricostruzione della popolazione di Tonno Rosso hanno dato effetti ampliamente positivi, ha sottolineato la necessità “che nel corso dei prossimi negoziati di Dubrovnik venga completato il passaggio dall’attuale e rigido piano di ricostituzione a un più flessibile piano di gestione, che semplifichi le misure tecniche, rendendole più compatibili con le reali caratteristiche dell’attività di pesca, partendo dall’ incremento della capacità di pesca, che dopo i sacrifici del passato, particolarmente rilevanti per l’Italia, possa favorire una nuova crescita in proporzione con il Tac”.

“E’ importante – ha continuato il Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del Turismo , che “ i risultati di questo processo internazionale trovino un rapido recepimento nei regolamenti europei, al fine di evitare pericolose ambiguità normative che possano di fatto compromettere lo sviluppo di tutti gli operatori europei interessati”. “L’ Unione europea, – ha concluso il Ministro Gian Marco Centinaio – si deve adoperare per difendere gli interessi e la posizione di mercato di tutti gli stati membri interessati”.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone